fbpx

Sei incinta e le hai problemi alle gengive?

Attenzione: è fondamentale che una donna incinta abbia particolare attenzione alla propria salute orale.

Fino al 60-75% delle donne in gravidanza soffrono di gengivite, e fino al 30% di parodontite.

Gengivite e Gravidanza

La Gengivite Gravidica

Il mantenimento di condizioni ottimali del cavo orale della donna è fondamentale.

La gengivite gravidica è l’infiammazione a carico dei tessuti molli che circondano il dente a causa dell’accumulo di placca batterica, senza che si manifesti la perdita di tessuto osseo.

Studi epidemiologici evidenziano come fino al 60-75% delle donne in gravidanza evidenziano segni clinici di gengivite e fino al 30% quadri conclamati di malattia parodontale.

Cause e sintomi

Le Cause della Gengivite Gravidica

Durante la gestazione, ci sono modificazioni ormonali che predispongono ad uno stato di infiammazione gengivale generalizzato:

  • il calo delle difese immunitarie
  • l’iperemesi gravidica (tendenza a nausea e conati di vomito)

Nelle gengiva sono stati identificati recettori sia per il progesterone che per gli estrogeni, il che spiega, insieme ad altri fattori, l’aumentata risposta alla placca batterica e la variazione della flora microbica.

I fattori che contribuiscono a un aumento dell’incidenza della patologia parodontale in gravidanza sono:

  • cambiamento della composizione della flora batterica sottogengivale con aumento della quantità relativa di batteri anaerobi parodontopatogeni associata agli aumentati livelli circolanti di estrogeni e progesterone. Questi costituirebbero un fattore promotore della crescita degli anaerobi parodontopatogeni
  • alterazione della risposta immunitaria locale con aumentata suscettibilità all’infiammazione gengivale e depressione della risposta chemiotattica e fagocitaria dei granulociti neutrofili e delle altre funzioni immunitarie cellulo-mediate, cui contribuisce la stimolazione della produzione di prostaglandine indotta dagli ormoni varici
  • effetti pro-infiammatori ormonali a livello gengivale principalmente sulla proliferazione vascolare, sulla produzione di collagene, sulla cheratinizzazione epiteliale e sul contenuto fluido del connettivo

L’aumentata permeabilità dei vasi sanguigni gengivali favorisce l’arrossamento e l’aumento di volume delle gengive, e le predispone ad un maggior sanguinamento. Il sanguinamento gengivale spesso induce a diminuire lo spazzolamento dei denti con conseguente maggior accumulo di placca batterica e ulteriore compromissione dello stato generale.

I Sintomi della Gengivite Gravidica

I sintomi e i segni di patologia parodontale possono comparire inizialmente nel secondo mese di gestazione e raggiungono la massima gravità circa un mese prima del parto.

I principali segnali che possono fare sospettare la presenza della malattia sono i seguenti:

  • dolore alle gengive
  • gengive che sanguinano quando si spazzolano
  • gengive gonfie o tese
  • gengive facilmente traumatizzatili
  • cuscino sporco di sangue al risveglio

Questi sintomi vengono spesso sottovalutati o ignorati mentre invece, soprattutto in gravidanza, è necessario porre estrema attenzione a questi campanelli d’allarme.

E’ per questo che un’adeguata valutazione specialistica dovrebbe essere consigliata a tutte le gestanti fin dall’inizio della gravidanza in modo da prevenire o curare la parodontite gravidica.

Malattia parodontale e parto pre-termine

Malattia parodontale e parto pre-termine.

Nel 1996 è stato pubblicato il primo studio che suggeriva che l’infezione parodontale materna fosse un fattore di rischio possibile per il parto prematuro. Numerosi studi, successivamente pubblicati, hanno confermato l’esistenza di una associazione tra malattia parodontale materna e rischi di:

  • aumentato di aborto spontaneo
  • parto prematuro
  • basso peso alla nascita.

I batteri responsabili della malattia parodontale producono una varietà di mediatori infiammatori chimici come prostaglandine, interleuchine, TNFa, ed endotossine che sarebbero implicati nella patogenesi dei rischi appena citati.

Diverse sono le ipotesi che potrebbero spiegare l’associazione:

  •  i microorganismi orali e i loro prodotti citotossici possono essere diffusi all’organo materno fetoplacentare, causando o potenziando una risposta immunitaria inappropriata o una risposta materna e/o fetale che provoca gli esiti avversi
  • la malattia gengivale e la patologia della gravidanza possono essere coesistenti in relazione a un fattore sistemico di predisposizione ad un eccesso di risposta infiammatoria sistemica, determinato geneticamente o epigeneticamente

Nel 2010 venne fornita la prima prova umana che Fusobacterium nucleatum, specie batterica originata dal biofilm parodontopatogeno sottogengivale della madre e traslocato alla placenta e al feto, era in grado di provocare un evento infiammatorio acuto che portava alla morte endouterina del feto.

È giusto riportare che il legame con le patologie del nascituro sono molto dibattute. E’ importante leggere a questo scopo il manifesto della federazione europea di parodontologia.

Trattare la parodontite può diminuire il rischio di complicanze in gravidanza.

A Parocentro salviamo i tuoi denti e curiamo le tue gengive per migliorare la tua qualità di vita.

logo parocentro

Chi siamo e perché sappiamo quello che diciamo.

Parocentro è un centro dedicato alla Parodontologia Conservativa. Ci occupiamo esclusivamente di gengive.

Non vogliamo metterti impianti ma salvare i tuoi denti.

Seguiamo un protocollo altamente personalizzato e un trattamento indolore, mirato a salvare i tuoi denti, agendo sulle cause del problema.

Il 48% dei nostri pazienti viene da noi seguendo il consiglio del proprio dentista. Il 40%, viene a Parocentro per il suggerimento di un familiare o conoscente che è stato nostro paziente.

Quando incontriamo un paziente, non vediamo una patologia, ma una persona che faremo di tutto per accompagnare verso la salute e una recuperata serenità.

Il nostro motto è “avere a cuore le gengive, per vivere meglio” perchè il benessere inizia dalle gengive.

Come si cura la Gengivite Gravidica

Le cure

La prevenzione e il trattamento delle gengiviti e delle parodontiti prima, durante e dopo la gravidanza possono migliorare la salute orale delle gestanti e degli individui in età perinatale.

Nonostante non vi siano consistenti prove scientifiche per dimostrare che la terapia parodontale durante la gravidanza possa ridurre il rischio di esiti avversi della stessa, l’esecuzione di cure dentali nella gestante non ha evidenziato un aumentato rischio di complicanze per la gravidanza stessa.

La diffusione sistemica di microbi orali patogeni durante le attività di pulizia professionale dei denti non costituisce un pericolo, ed è comunque un evento normale durante lo spazzolamento dentale e la normale masticazione.

Posporre il trattamento di gravi infezioni orali può essere, al contrario, causa di diffusione sistemica di batteri patogeni o di progressione dell’infezione fino al coinvolgimento sistemico con possibile influenza fortemente negativa sul buon andamento della gravidanza.

Gestire la salute del cavo orale può determinare dei benefici sostanziali per i denti e per la salute in generale, data la relazione fra salute orale e salute sistemica. Il rischio di complicanze della gravidanza potrebbe diminuire sensibilmente.

La gravidanza è spesso la prima occasione di perdita dentaria o d’infiammazione avanzata per chi nel futuro avrà una diagnosi di parodontite.

Il nostro trattamento non chirurgico e non invasivo delle patologie gengivali rappresenta una garanzia di assoluta sicurezza per la madre ed il bambino, e può essere effettuato in gravidanza senza nessun tipo di controindicazioni.

Gestire la salute del cavo orale può determinare dei benefici sostanziali per i denti e per la salute in generale

Una gengivite non trattata può degenerare in parodontite. Non correre rischi.

Contattaci subito per risolvere il tuo problema o fai il nostro Test di Salute Gengivale per conoscere il tuo livello di rischio.