Skip to main content
Parla con noi !

Se hai la gengivite e lo scopri in tempo, puoi salvare tutta la tua bocca e conservare completamente la tua salute generale*

COS'È LA GENGIVITE?

La gengivite è una malattia caratterizzata dall’infiammazione delle gengive.

È probabilmente la patologia più diffusa al mondo: quasi tutti hanno avuto, anche solo transitoriamente, gengive arrossate, gonfie e talvolta sanguinanti.

La gengivite è il risultato di un complesso processo di infiammazione alle gengive, che determina l’aumento della vascolarizzazione e della permeabilità vascolare a livello del margine gengivale. Questo porta alla perdita dell’aspetto a buccia d’arancia tipico della gengiva sana, a gonfiore gengivale e gengive arrossate. Durante lo spazzolamento, può esserci sanguinamento. In alcuni quadri particolarmente severi si può addirittura avere gengive che sanguinano spontaneamente.

Avere le gengive infiammate non deve essere sottovalutato: la gengivite, nel soggetto suscettibile alla parodontite, è lo stadio che precede la perdita di tessuto gengivale.

Risolvere la gengivite significa impostare un’efficace azione di prevenzione della parodontite, che è una patologia grave che può portare, se non trattata, alla perdita dei denti.

 

 

LE CAUSE DELLA GENGIVITE

Le donne sono più a rischio di sviluppare gengivite

Nella maggior parte dei casi la gengivite è dovuta a un accumulo di placca batterica sulle superfici dentali, però in alcuni casi può avere cause più specifiche come traumi o infezioni particolari.

Nell'ultima classificazione della malattie parodontali, approvata a Chicago nel 2017, a cui ha partecipato anche il Prof. Graziani, la gengivite è stata suddivisa in due categorie:

 

  • gengivite indotta da placca batterica
  • gengivite da cause specifiche

Gengivite da accumulo di placca batterica
La forma più comune è la gengivite da accumulo di placca batterica, collegata cioè ad un eccesso di depositi di placca rimasta in seguito a manovre d’igiene orale non efficaci che determina una risposta infiammatoria. Questo è il motivo per cui è una patologia tanto diffusa: la maggior parte della popolazione non riesce a pulire denti e gengive in modo corretto. 

Gengivite da cause specifiche
La gengivite colpisce entrambi i sessi allo stesso modo e di qualsiasi età. Esistono però situazioni in cui la gengivite si sviluppa più facilmente, e fra queste ci sono delle variazioni ormonali quali quelle che avvengono durante la pubertà, la gravidanza e la menopausa.

I SINTOMI DELLA GENGIVITE

I sintomi della gengivite sono espressione dell’infiammazione delle gengive che si presentano arrossate, gonfie e tumefatte. In particolare si potrà apprezzare il cambiamento di colore: da rosa corallo, spesso presente in quadri di buona salute gengivale, ad un rosso scuro, vinaccia solitamente associato a lesioni più avanzate.

È inoltre frequente la perdita del cosiddetto aspetto a buccia d’arancia tipico in una gengiva sana. 

In alcune persone i sintomi della gengivite sono lievi, mentre in altri soggetti il disagio è significativo e può arrivare a veri quadri di dolore.

Un altro sintomo molto rilevante, spesso sottovalutato, è il sanguinamento delle gengive, provocato dallo spazzolamento o da altre manovre che vanno ad urtare la gengiva infiammata. Nei casi gravi il sanguinamento può addirittura essere spontaneo e il paziente può avvertire sapore di sangue od osservare sangue sul cuscino al risveglio.

 

Avere le gengive che sanguinano non è normale. Se c’è sanguinamento, c’è patologia.

È necessario inoltre prestare speciale attenzione ai casi asintomatici: i sintomi, infatti, sono utili per identificare la patologia. Quando questi sono assenti, la diagnosi clinica diventa assolutamente necessaria.

Contatta ora i nostri specialisti

Contatta Parocentro

Diagnosi della gengivite

Per poter diagnosticare la gengivite è necessario effettuare un esame clinico, il sondaggio parodontale. In questo esame si cercano di individuare tutte le aree che presentano un piccolo sanguinamento, 30 secondi dopo che è passata la sonda. Se almeno il 10% dei siti presenta sanguinamento al sondaggio si parlerà di gengivite. Se il sanguinamento supera il 30% della aree sondate si parlerà di gengivite generalizzata. 

La gengivite è reversibile.
Attraverso un corretto trattamento si può guarire dalla gengivite, fino alla completa scomparsa dei sintomi.

Una gengivite non trascurata può degenerare in parodontite, non più reversibile che può provocare la perdita dei denti.

contact action add button